Geek mum

Per favore, non chiamateli mammi

Ognuno di noi ha una parola, o più d’una, che proprio non sopporta. Io non posso sentir dire “mammo”.
Non ce la faccio a non indignarmi. Mi torna in mente una mattina di qualche settimana fa.

Stavo accompagnando il mio bambino grande all’asilo quando, proprio sulla porta della scuola, abbiamo sentito un papà che si definiva appunto un “mammo”, ridacchiando e chiacchierando con altri genitori.

Mio figlio, con la logica dei quattrenni, si è affrettato a chiedermi “mamma, ma cos’è un mammo? Una mamma maschio? O un papà femmina?”.

Non sapevo che dire.

Eh, amore mio. Nè l’uno nè l’altro” ho preso tempo “forse quel signore scherzava, voleva fare un gioco di parole” ho provato a chiudere il discorso. Ma dentro di me non era affatto chiuso. Anzi. Le danze dei miei pensieri si erano appena aperte.

Ultimamente inciampo troppo spesso nei mammi, in chi si dichiara tale, o in chi indica così un padre che si occupa dei propri figli al posto della mamma. Ho fatto una ricerca veloce e ho scoperto che perfino i dizionari si sono adeguati ai tempi e riportano “mammo” come sostantivo maschile di mamma, utilizzato per indicare, in termini scherzosi, “un uomo che nella cura dei figli e della casa” svolge funzioni “tradizionalmente” proprie di una mamma.

Impossibile non indignarsi, per chi, come me, crede nel gioco di squadra tra genitori e pensa che i papà, quando ci sono e fanno la loro parte, siano davvero bravissimi.
Impossibile per me comprendere la necessità di inventare una nuova -e a mio parere brutta- parola, quando ne abbiamo una così bella che è papà.

Non sarà che alcuni uomini considerano svilente andare a prendere i bimbi a scuola, fare la spesa al mercato, caricare la lavapiatti o stendere la lavatrice? Così svilente che serve mettersi il mantello da mammo, quasi fosse quello di un super eroe, che si carica sulle spalle le funzioni “tradizionalmente materne”?

Ecco, cari mammi, noi mamme vi chiediamo la cortesia di togliervi il mantello e di tornare a fare i papà. Sì, i papà che accompagnano a scuola, che leggono la favola della buonanotte, che sanno sgridare quando serve, ma anche abbracciare e coccolare, che aiutano i loro bambini a superare le paure, che giocano a pallone al parco, che cantano ninne nanne e si alzano la notte. Quei papà che sanno quanto è bello e prezioso il gioco di squadra con le loro compagne di vita.

Allora sì, cari mammi, che sarete dei super eroi.
Per i vostri figli, grandi papà del domani.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.