News

[News] Social Obsession: una vita in perenne connessione sui social network

Social Obsession: la dipendenza da social network che rischia di sostituire la vita reale. Si tratta del lento ma inesorabile passaggio dall’utilizzo di una normale connessione, grazie alla quale restiamo in contatto con i nostri amici online, a quello di una “connossessione”, vale a dire la sostituzione ossessiva delle relazioni personali con quelle prettamente virtuali.

Il 51% degli italiani ha risposto che non potrebbe vivere senza, mentre il 27% ha dichiarato di rimanervi connesso addirittura fino a 8 ore al giorno; il 56% degli intervistati ha rivelato inoltre che il primo pensiero prima di andare a dormire e appena svegli è controllare le notifiche sullo schermo dello smartphone.

Su circa 1800 persone, uomini e donne di età compresa tra i 16 e i 60 anni, realizzato con metodologia WOA (Web Opinion Analysis) attraverso un monitoraggio online sui principali portali online, blog, forum e community dedicate, per esaminare quale sia il rapporto tra gli italiani e i social network, che oramai ricoprono un ruolo centrale nella vita di una buona fetta di popolazione.

Al giorno d’oggi risulta quindi normale controllare lo smartphone centinaia di volte ogni giorno, messaggiare continuamente con WhatsApp, valutare offerte di lavoro su LinkedIn. Ma è possibile tracciare un confine tra l’utilizzo della tecnologia intesa come opportunità e l’ossessione di essere sempre connessi, di confezionare una nostra rappresentazione virtuale e di sbirciare nelle vite virtuali degli altri?

Per un italiano su due (51%) questo confine tra vita reale e “connossessione” digitale non esiste nemmeno, dato che non potrebbe mai rinunciare ai social network, nonostante ne riconosca i pro e i contro che l’utilizzo degli stessi comporta. Il 31% ha invece rivelato di poter fare a meno dei social senza alcun problema per lunghi tratti della giornata, ammettendo però di farne uso costante ma moderato, più volte durante il corso della giornata. Il 18% infine ha
risposto di non aver mai avuto a che fare con i social network, e pensa che non aprirà mai un profilo nemmeno in futuro.

social-network

Ecco i 5 consigli del sociologo Saro Trovato per limitare l’uso dei social network, tornare a vivere appieno la realtà e vincere la “connossessione”:

1- BACK TO REALITY!
Cerchiamo di dare priorità alle relazioni sociali vere e proprie, quelle che lasciano un segno nella nostra vita e che ci portano notevoli benefici a livello socio-relazionale. Approfittiamo del tempo libero per coltivare questo aspetto, senza disdegnare di ritrovare amici che non si vedono da molti anni.

2- PRENDI COSCIENZA DEL PROBLEMA
Il primo passo per risolvere un qualsiasi problema è riconoscere di soffrirne: ammettendo questo sarà più facile trovare una soluzione a questa difficoltà, che può creare seri problemi nel corso della vita.

3- OCCHIO ALL’OROLOGIO
Proviamo a stabilire quanto tempo al giorno possiamo dedicare ai social network, cercando di dimezzare inizialmente il lasso di tempo precedentemente utilizzato. Gradualmente si potrà procedere a tagliarlo ulteriormente, fino a vedere i primi benefici della disintossicazione dalla “connossessione”.

4- FATTI UNA DOMANDA E DATTI UNA RISPOSTA
Un altro metodo da provare nel caso si riscontrassero difficoltà è farsi delle domande prima di accedere ai social. La prima domanda da porsi è “Cosa potrei fare di bello anziché perdere il mio tempo qui?”.

5- DISCONNETTIAMOCI DAL MONDO
Un’ulteriore attività molto utile alla disintossicazione da social è uscire di casa senza il cellulare, tablet o notebook. La sensazione iniziale di smarrimento pian piano si affievolirà per lasciare spazio completamente ai cinque sensi e al godimento di tutto ciò che ci circonda, persone comprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.