Il Natale si avvicina a grandi passi e nei negozi troviamo già da qualche giorno un’ampissima scelta di abiti più o meno eleganti per vestire i nostri bambini in occasione delle Feste natalizie.

È vero, questo del 2020 non sarà un Natale come tutti gli altri: molto probabilmente dovremo rinunciare al giro di cene con gli amici e alle uscite extra pre-natalizie, ma speriamo di non dover rinunciare a goderci le Feste in famiglia. 

Per gli amanti del Natale come me è importante celebrare questa ricorrenza anche nel modo in cui ci vestiamo: quindi, ecco una breve guida per aiutarvi a scegliere l’abbigliamento natalizio migliore per i vostri bambini, corredata da qualche idea di outfit. 

LEGGI ANCHE: Natale: regali artigianali per i piccoli di casa

Carini si, scomodi no!

Lustrini, paillettes, renne in rilievo, papillon e chi più ne ha più ne metta: noi genitrici riempiamo il carrello di tantissime cose carine, ma a volte rischiamo di dimenticarci che non sono per i nostri bambolotti, bensì per i nostri poveri figlioli. 

Non dimentichiamoci. infatti, che una volta fatta la foto ricordo di rito (fatela al mattino quando state per uscire, perché poi sicuramente vi dimenticate!!) i nostri figli si lanceranno sui divani, faranno scivolare le ginocchia sul pavimento della cucina della nonna e passeranno il tempo a rincorrersi con i propri cuginetti e a impiastricciarsi le mani di zucchero a velo del pandoro. 

Quindi vanno benissimo pizzi e merletti, a patto che ci mettiamo l’anima in pace e preghiamo la santissima lavatrice da Ariston che abbiamo comprato con tanta fatica perché smacchi l’impossibile anche stavolta. Altrimenti un paio di jeans e una maglietta rossa saranno ugualmente perfetti per festeggiare il Natale e farvi rilassare. 

Semplificatevi la vita

Non so voi, ma da quando è arrivato mio figlio, uscire di casa e stare fuori tutto il giorno, proprio come si fa a Natale, è diventato una partita di Tetris di quelle difficili. 

Il numero di fattori da tenere in considerazione rispetto a prima è decuplicato e trovo che noi genitori (soprattutto noi mamme), siamo bravissimi a ingarbugliarli anche un po’. 

Quindi, mi sento di darvi un consiglio: rendete più facile la vostra giornata scegliendo capi che siano facili da togliere e mettere (soprattutto se i vostri figli ancora portano il pannolino), fate in modo che gli abiti di ricambio che vi porterete dietro vi piacciano tanto quanto quelli che sporcheranno di pappe spappolate e soprattutto, non fategli mettere cose che non hanno mai messo quel giorno lì.

I collant, noi donne lo sappiamo bene, sono spesso scomodi e se non si è abituati a portarli sono fonte di grandi malumori: optate per dei leggings al loro posto e passa la paura. Vostro figlio mette senza fare storie i jeans elasticizzati? Mettetegleli anche a Natale e non dovrete urlare per vestirlo nemmeno una volta. Vi piacerebbe mettesse la camicia? Sceglietene una che abbia i poussoir e non i bottoni con le asole: avete davvero voglia di chiuderli tutti a uno a uno mentre cercate di tenerlo fermo anche il giorno di Natale? 

Il body è l’unica cosa che rimane carina e pulita per tutto il giorno di solito? Comprate uno di quelli con disegnato sopra il papillon e vi sarete risolti la vita!

Renderli partecipi della scelta

Soprattutto per i bimbi dai 2 anni in su, il momento della vestizione è complicato: la costrizione li scoccia, vorrebbero fare altro e non vestirsi per uscire: allora rendiamo quel momento un momento di gioco. 

Dategli la possibilità di partecipare della scelta e scendete a compromessi con loro: mettete due opzioni di vestito / pantalone / maglietta, mescolando elementi più scherzosi con quelli più seri e rispettate le loro scelte. Forse alla fine non metteranno l’outfit perfetto che avevate immaginato, ma si saranno divertiti e voi avrete raggiunto il vostro obiettivo: non perdere la voce anche a Natale!

Non rinunciate all’eleganza

Bene, ora che abbiamo reso i movimenti dei nostri figli più semplici e semplificato la nostra giornata, parliamo di stile. 

Senza dubbio le Feste sono un’ottima occasione per insegnare ai nostri figli che esistono dei momenti da celebrare e che spesso, per farlo, si usa anche l’abbigliamento. 

Io ho bellissimi ricordi del momento della vestizione prima dell’arrivo dei parenti il giorno di Natale ed è un rituale che abbiamo sempre ripetuto ogni volta che sono venuti degli ospiti a trovarci. I miei genitori mi hanno insegnato che presentarsi bene di fronte agli altri è un segno di rispetto nei loro confronti: festeggiare con un bel vestito un incontro che per noi è importante è quello che facciamo sempre nelle nostre piccole e grandi occasioni. 

Quindi costruite dei bei ricordi e immortalateli: che dalle foto la macchia di sugo non si vede, ma i sorrisi si!

Susanna Aruga
Susanna Aruga

Mi chiamo Susanna Aruga, classe '87, vivo a Torino, ma metà del mio sangue è polacco. Nella vita mi occupo di comunicazione praticamente da sempre: da piccola conoscevo a memoria tutte le pubblicità che passavano in tv, poi, crescendo, ho coltivato la mia predisposizione grazie al web su blog e social network e ne ho fatto un lavoro. Sono sposata alla persona con cui sto da più di 13 anni e ho un bimbo di nome Leonardo nato nel 2018. Amo la cucina, in tutte le sue sfaccettature, e i viaggi, perché entrambi mi danno modo di imparare di più sui miei limiti.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.