Geek book: “Mamma cucino da solo!”

Ho chiesto a Katia Casprini una delle autrici di questo bellissimo libro di raccontarmi com’è nato questo ricettario per bimbi da 3 anni in su.

L’idea del libro Mamma cucino da solo! nasce stando in cucina con i nostri figli, dopo le numerose richieste di poter essere autonomi come “faccio da solo!”, abbiamo pensato ad un modo per far sì che possano stare in cucina con noi adulti, ma che proprio come noi possano cucinare delle preparazioni davvero da soli, senza il nostro intervento.


Non sapendo leggere, non avrebbero potuto quindi pesare gli ingredienti e neppure seguire i passaggi scritti di una “normale” ricetta.

Abbiamo quindi creato una serie di ricette che i bimbi possono realizzare da soli, dosando gli ingredienti con un vasetto dello yogurt ed un cucchiaio da cucina. Possono inoltre seguire i passaggi necessari per portare a termine il loro dolce grazie al linguaggio fotografico. Il riconoscimento degli ingredienti (pochi e che abbiamo in casa per facilitare loro la comprensione) avviene tramite le illustrazioni. 

La loro crescita e l’acquisizione della fiducia in se stessi e nelle proprie capacità passa anche attraverso la cucina, gettando le basi per una sana autostima.

Il poter fare davvero da soli li gratifica molto, li mette di fronte alle loro abilità, li allena nella risoluzione di piccoli inconvenienti che possono capitare, li aiuta a sviluppare una forte concentrazione e a migliorare la loro manualità, a prendersi cura di se stessi e li allena alla sequenzialità. Quanti benefici da questo gioco che possiamo fare insieme ed è anche molto divertente!


L’avvicinare i bambini alla cucina fin dalla tenera età permette anche, oltre a favorire esperienze sensoriali attraverso il tatto, la vista, a riconoscere la consistenza degli ingredienti, il loro profumo e a identificarli, getta anche le basi per un sano rapporto con il cibo ed uno stile di vita sano.

Prendere parte attivamente alla vita in cucina aiuterà anche i bambini ad essere meno selettivi nei confronti del cibo e a conoscerlo meglio.

Il compito dell’adulto è quindi quello di creare un ambiente adatto a loro, con gli strumenti che possano permettergli di essere autonomo.

Prepariamo quindi il piano di lavoro con un supporto lavabile, strumenti piccoli adatti alle loro manine e non preoccupiamoci se non tutto verrà “perfetto” ai nostri occhi, lasciamoli liberi di sperimentare. Solo così potranno davvero rafforzare la fiducia in se stessi e nelle proprie abilità.

Non interrompiamo questo loro prezioso momento di concentrazione, interverremo soltanto se saranno loro a chiederci aiuto.Vedrete con i bimbi vi stupiranno…quindi buon divertimento!

Frenci Bello

Mi chiamo Francesca Bello, vivo a Varese e sono una Digital Strategist Freelancer con 10 anni di esperienza. Il mio lavoro consiste nella creazione di una strategia e di concept creativi in campo Digital e Social Media. Social Media Marketing e Management, Advertising, Graphic Design e sviluppo website. Da Agosto 2018 sono diventata mamma di Bernardo, e questa è stata l'occasione per trasformare il mio blog in un magazine dedicato a mamme e bambini. In questo progetto meraviglioso ho la fortuna di aver trovato persone speciali, che condividono nei loro post le proprie esperienze e (dis)avventure.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.