Family portraits: un regalo indelebile nel tempo

In un caldo sabato d’estate abbiamo deciso di ritagliarci del tempo tutto per noi, per realizzare un bellissimo shooting di famiglia insieme alla nostra amica Elena de Il baccello di Vaniglia.

Se vi ricordate, vi avevo già parlato di lei quando nel 2018 abbiamo deciso di realizzare un maternity shooting con l’arrivo di Bernardo.

Questa volta, ci siamo regalati una sessione di “family portraits”, così da appendere sulla nostra parete in salotto delle foto di noi 4 insieme.

© Il baccello di Vaniglia

Sicuramente un regalo indelebile nel tempo, da conservare e da regalare a nonni e parenti.

Abbiamo scelto di scattare queste fotografie in casa nostra, nel nostro habitat, su quel divano che ci ha visto crescere come famiglia, e su cui trascorriamo gran parte delle nostre giornate.

© Il baccello di Vaniglia

Elena ha la capacità di rendere ogni scatto così intimo e naturale. Soprattutto è riuscita a cogliere i momenti più giocosi tra di noi, e di coinvolgere Bernardo che ovviamente era impegnato a giocare in quel momento!

Per questo motivo ho pensato di chiedere ad Elena qualche consiglio per realizzare al meglio questo genere di shooting.

  • Elena, qual è il momento giusto per realizzare una sessione di “family portraits”?

Non c’è un momento più indicato di altri. Lascio che sia la famiglia in base alle proprie esigenze e preferenze a scegliere quando scattare. La nascita di un bimbo è in genere l’evento per cui una famiglia contatta un fotografo per un servizio fotografico professionale.

In questo caso le foto possono essere scattate già durante i primi giorni di vita del bimbo o nelle prime settimane. Ma uno shooting di famiglia può essere un regalo da farsi anche quando i figli non sono più in tenera età! E’ importante però che vengano sempre rispettati i bisogni e i tempi del bambino. No a shooting lunghi e senza pause, no a pose forzate, no a situazioni che mettono i bimbi in condizioni di stress. 

  • Cosa si devono aspettare i protagonisti da uno shooting di questo genere?

Vorrei che lo shooting di famiglia, per come lo intendo io, non venisse vissuto come un evento straordinario. Se l’obiettivo è raccontare la quotidianità di una famiglia, non dovrà esserci nulla di artificioso. Non angosciatevi perchè la casa non è in ordine o non avete trovato l’abito perfetto o ancora perchè il vostro bimbo non sta fermo mentre scatto.

Come scrivevo qualche tempo fa, famiglia è amore, emozione, condivisione, ma anche caos, rumore e disordine. Godetevi il momento facendo insieme ciò che amate fare: giocare, leggere un libro, coccolarvi, cucinare un dolce. Un suggerimento: se i bimbi sono piccoli, consiglio di non caricarli di aspettative nei giorni precedenti lo shooting e se possibile di non preannunciare l’arrivo del fotografo proprio per non renderlo un evento straordinario e lasciare che lo vivano con spontaneità e tranquillità.

  • Dalla tua esperienza, quale location ti senti di consigliare?

Anche in questo caso mi confronto con la famiglia per scegliere la soluzione migliore. Se i bimbi sono molto piccoli la propria casa è senza dubbio il luogo più indicato e meno stressante per il neonato.

Se invece hanno qualche anno d’età possiamo dar sfogo alla fantasia e organizzare uno shooting al parco, in un bosco, nei luoghi della propria città in cui siete abituati a trascorrere del tempo (la libreria preferita, la piazza, la gelateria..).

Scattare in un luogo diverso dalla propria casa e proporre ai bimbi delle attività da svolgere durante il servizio fotografico li aiuterà a distrarsi dalla presenza del fotografo e lo shooting sarà anche per loro un’esperienza positiva.

Riguardando le nostre fotografie e mi rivedo in questa frase di Elena:

Quando voi vi vedete imperfetti, io vi vedo unici.”

nulla di più vero.

Se volete farvi questo bellissimo regalo potete scrivere a Elena e seguirla su Instagram.

Frenci Bello

Mi chiamo Francesca Bello, vivo a Varese e sono una Digital Strategist Freelancer con 10 anni di esperienza. Il mio lavoro consiste nella creazione di una strategia e di concept creativi in campo Digital e Social Media. Social Media Marketing e Management, Advertising, Graphic Design e sviluppo website. Da Agosto 2018 sono diventata mamma di Bernardo, e questa è stata l'occasione per trasformare il mio blog in un magazine dedicato a mamme e bambini. In questo progetto meraviglioso ho la fortuna di aver trovato persone speciali, che condividono nei loro post le proprie esperienze e (dis)avventure.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.