E alla fine è arrivata l’estate. Nonostante tutto.

Ci siamo chiusi in casa con il cappotto ancora appeso nell’ingresso, abbiamo visto la primavera dalla finestra e finalmente siamo usciti, con i nostri bambini, quando era già tempo di pantaloni corti.

Noi genitori, in queste settimane, ci sentiamo un po’ dei sopravvissuti. Dei naufraghi.

Ci scambiamo sorrisi stanchi e parole di conforto, condividiamo pensieri e preoccupazioni per il futuro, ma anche sguardi fiduciosi per essere arrivati fino a qui.

Solo chi ha vissuto davvero in casa, inventandosi le giornate, tenendosi stretto il lavoro con coraggio e tenacia, cercando di tenere i bimbi allegri e occupati, spiegando cosa succedeva fuori, accogliendo i momenti difficili, sentendo le mancanze, calmando capricci e litigi, giocando, ridendo e piangendo, leggendo, colorando, cucinando, guardandoli diventare grandi in questo tempo strano, può capire e apprezzare davvero questa ritrovata libertà, questo ricominciare a respirare un pochino.

Non mi stancherò mai di dire che i più piccoli sono stati i più bravi.

E ora si meritano l’estate. Il tempo vuoto. Niente più didattica a distanza e chiamate zoom, schermi spenti e corse in libertà, gelati e monopattini, partite a pallone e tramonti, lucciole e ginocchia sbucciate- inconvenienti di chi si diverte- guance rosse e scarpe sporche di erba e fango.

Quest’estate diversa si è aperta con la buona notizia che possiamo davvero ricominciare a vivere piano piano, a costruire un pezzo alla volta una nuova normalità.

Staremo più tempo possibile all’aperto: questa è la promessa che abbiamo fatto ai nostri figli.

E passeremo meno tempo in casa. Anche se cucinare insieme è sempre un dono, un momento prezioso, prepareremo piatti freschi e veloci, organizzeremo cestini per i pic-nic e proporremo sempre più merende a base di frutta e gelato.

Insieme a Frenci abbiamo deciso di sospendere questa rubrica fino a settembre.

Ci prendiamo tutti una pausa estiva. Studierò nuove ricette da proporvi per l’autunno che verrà.

Intanto, per questa ultima settimana di In cucina con i bambini, ho deciso di proporvi una ricetta semplice e veloce.

L’idea mi è venuta chiacchierando al telefono con un’amica, poche sere fa.

Spesso ci dimentichiamo di preparare i piatti più comuni, che a volte sono proprio i più apprezzati dai bambini.

Per questo ho scelto di raccontarvi come preparo le scaloppine preferite dei miei figli.

Le ho preparate venerdì con loro. Fuori pioveva e i ragazzi non avevano molta voglia di farmi compagnia ai fornelli. Giravano per casa un po’ annoiati, alla ricerca di un gioco da fare. Era quasi ora di pranzo. Ho usato una tecnica che di solito funziona: sono entrata in cucina in silenzio e ho preparato gli ingredienti sul tavolo. Senza dire nulla. Dopo pochi minuti si sono arrampicati sulle loro seggioline, curiosi e attenti e pronti ad infarinare!


Ingredienti:

300/400 gr.di fettine di petti di pollo, olio, burro, dado, farina, 1 limone.

Tagliate le fettine di carne della misura che preferite. Se le preparate con i bambini è meglio avere piccole fette in modo che siano più semplici da maneggiare.

Organizzate lo spazio dove loro potranno, con o senza il vostro aiuto, infarinare le fettine.

Usate piattini di plastica, coppette, fogli di carta forno o taglieri sempre di plastica, quello che vi viene più comodo, mostrate loro come infarinare bene le fette e lasciateli liberi di lavorare.

Nel frattempo sciogliete in una padella antiaderente un po’ di olio e una noce di burro.

Quando le fettine saranno ben infarinate recuperatele tutte e mettetele a cuocere a fuoco basso, per circa 15 minuti, avendo cura di girarle spesso.

Durante la cottura cospargere con uno o di cucchiaini di dado granulare (o sbriciolare un dado intero, se usate quello a cubetti).

Qualche minuto prima della fine della cottura spremere sulle fettine il succo di un limone intero e cuocere ancora finché le fettine non saranno dorate.

Servire tiepide.

Note da mamma in cucina: questa è una ricetta facile e veloce. Ideale da preparare in anticipo per avere la cena pronta quando si torna a casa magari dopo una giornata all’aperto.

I bambini, praticamente di tutte le età, possono divertirsi a infarinare le fettine.

Il consiglio di GeekMum: se volete portare con voi le scaloppine come piatto estivo, accompagnatele con un mini pinzimonio. Io le ho proposte ai miei bambini con carote crude tagliate a julienne e pomodori crudi a pezzetti, ma potete divertirvi anche a tagliare per loro finocchi crudi, cetrioli..

Last but not least, potete sostituire le fettine di pollo con fettine di vitello.

Buona estate a tutti, in cucina e all’aperto!

Lucia Massarotti
Lucia Massarotti

Sono nata a Milano e quest’anno spegnerò -con gioia!- quaranta candeline. Dopo la laurea in Giurisprudenza e qualche bellissimo anno passato a lavorare in uno studio legale ho capito che il diritto non era la mia strada, ho lasciato i codici e ho scoperto che mi piace scrivere. Ho sposato il più straordinario compagno di viaggio che la vita potesse farmi incontrare e, insieme, siamo partiti per meravigliosa avventura: essere genitori di Enzo, nato sotto il sole dell’agosto 2015, e Matteo, che rende ancora più allegra la nostra famiglia dall’aprile 2018. Convinta del fatto che diventare genitori sia la nostra più grande occasione per crescere cerco, ogni giorno, di mettermi all’altezza dei miei bambini, di infilarmi nelle loro scarpine, provando a guardare il mondo con la loro stupenda curiosità. Dal gennaio 2019 ho aperto un blog, PiccolieCuriosi, dove racconto le mie avventure da mamma.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.