Geek beauty

I consigli di remise en forme dopo l’isolamento


Bere tanto e distribuire l’apporto calorico durante tutta la giornata per mantenersi in forma e recuperare la linea persa. Ecco i consigli del nutrizionista Luca Piretta

L’isolamento che in questi mesi ha costretto gli italiani a rimanere a casa, ha cambiato in maniera radicale le loro vite ed abitudini. La mancanza di movimento, dettata in alcuni casi dal fatto di dover lavorare o studiare da casa, il tempo libero, ma anche la necessità di gratificarsi, hanno inevitabilmente gravato sulle bilance. Queste ultime infatti, hanno registrato un aumento fino a 3 chilogrammi. Ma come recuperare la forma perduta? Ecco i consigli del Dottor Luca Piretta, Specialista in Scienza della Nutrizione Umana presso l’Università ‘La Sapienza’ di Roma.

È quanto riporta In a Bottle in un focus tra forma fisica e benessere.

“Tra assenza di attività fisica e necessità di gratificarsi, gli italiani, in media, dovrebbero aver preso 3 chilogrammidurante l’isolamento – commenta il Dottor Luca Piretta – Proprio questo periodo, scevro dai condizionamenti dettati dagli orari di lavoro e dagli impegni sociali, dovrebbe insegnarci a suddividere l’apporto calorico giornaliero in modo più funzionale alle necessità dell’organismo e dei suoi ritmi crono-biologici. La distribuzione dovrebbe essere fatta con il 30% a colazione, assumendo latte o derivati, cereali ed un frutto. Un altro 30% a pranzo, preparandosi un primo con un contorno, ed il 20% a cena, in cui mangiare un secondo accompagnato sempre da un contorno. Il restante 20%, infine, andrebbe suddiviso in due spuntini di metà mattina e di metà pomeriggio, in cui assumere della frutta o un frullato.

Ricordarsi di seguire anche una corretta idratazione

“L’essere umano – conclude il Dottor Luca Piretta – dovrebbe bere, durante l’arco di una giornata, da 1,5 a 2 litri di acqua. La quantità aumenterebbe tra i 2,5 ed i 3 litri nel caso in cui il soggetto faccia attività fisica, soprattutto se le temperature sono alte. Seguire una corretta idratazione comporta l’assunzione di tantissimi sali minerali, quali calcio e sodio. Non bisogna dimenticare che le acque possono essere molto diverse e che, per ognuno di noi, ce ne sia un tipo più indicato ed uno meno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.