Settembre, tempo di buoni propositi e di nuove abitudini.

Superata la fase degli acquisti per la scuola, archiviato l’inserimento all’asilo, inizia davvero l’anno nuovo. E con lui la routine, le corse della mattina, l’organizzazione della famiglia.

Chi ha più di un figlio sa che non è sempre facile essere tutti pronti per uscire di casa in tempo per il suono della campanella senza perdere il sorriso.

Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è domandata quale sia il segreto di quelle mamme che arrivano sempre puntuali, fresche di parrucchiere, con i bambini sorridenti e senza dimenticare nulla a casa.

Ho scoperto che non hanno nessun super potere, ma solo una parola magica: organizzazione.

Sono mamma di due bambini piccoli. Uno frequenta l’asilo nido e l’altro la scuola materna.

Conosco bene certe maratone, una mano al passeggino e un occhio al monopattino in direzione scuola. Ma come sempre si impara sul campo. E così, un po’ osservando gli altri genitori, un po’ leggendo e un po’ confrontandomi con mio marito- la mattina il gioco di squadra è fondamentale!- metto a punto giorno dopo giorno la mia strategia personale per l’uscita di casa.

Ecco qui qualche idea che potete provare.

1. Preparare tutto la sera prima: è un vecchio trucco ma funziona sempre. So bene che a fine giornata la stanchezza prevale, ma fate un piccolo sforzo e guadagnerete molto di più la mattina dopo. Apparecchiate la tavola per la colazione, scegliete i vestiti per voi e per i bambini, mettete nell’ingresso caschi, sacche per le varie attività, borse per il lavoro e tutto quello che vi serve per il giorno dopo. La mattina potrete dedicare qualche minuto in più al vostro caffè, alle chiacchiere con vostro marito, alle coccole ai vostri bambini. E la giornata inizierà molto meglio!

© Pinterest

2. Alzatevi un’ora prima di tutti: anche qui ci vuole uno sforzo iniziale, ma poi ci si abitua e ci si prende gusto. Vi assicuro che apprezzerete il silenzio che ancora avvolge la casa, il vostro caffè in beata solitudine, magari perfino la lettura del giornale, il tempo per prepararvi con calma prima di svegliare i bambini.

3. Colazioni speciali: ci sono bimbi che saltano giù dal letto e corrono in cucina affamati, altri che fanno fatica ad abbandonare i loro sogni e ancora di più a mangiare qualcosa prima di uscire di casa. Perché il momento della colazione non si trasformi in una lotta all’ultimo biscotto cercate di prenderli per la gola. Provate a proporre ogni tanto una colazione salata a chi sapete potrà apprezzarla, cercate di coinvolgerli nella preparazione, sedetevi a tavola tutti insieme e prendetevi un po’ di tempo. Chiacchierate con i bimbi e raccontate come sarà la loro giornata. La prevedibilità aiuta e rassicura.

© Pinterest

4. Niente fretta: sta a noi adulti calcolare bene i tempi, non mettete fretta ai bambini. Sarebbe inutile e si rischia solo di innervosirli. Dipende dalle età ma il concetto del ritardo è difficile da comprendere. Senza farsi divorare dall’ansia meglio giocare d’anticipo, usare qualche trucchetto e non perdere la pazienza e il sorriso.

5. Lavarsi e vestirsi: chi ha più di un figlio deve davvero sincronizzare le operazioni per essere in tempo. Meglio preparare i più piccoli per primi e prendersi qualche minuto in più da dedicare ai più grandi. Quando hanno l’età giusta aiutateli a fare da soli. Fatelo come se fosse un gioco. Lavarsi i denti, vestirsi, mettersi le scarpe senza l’aiuto di mamma o papà sono conquiste meravigliose. Incoraggiateli mattina dopo mattina- ed evitate, se possibile, di sostituirvi a loro per fare più velocemente.

© Pinterest

6. Ogni cosa al suo posto: sarà più semplice e più veloce uscire di casa se saprete esattamente dove trovare le cose che vi servono per la giornata. Risparmierete minuti preziosi organizzando nel modo più funzionale per voi l’ingresso o la zona uscita di casa. E lo stesso vale per i bambini. Fatevi aiutare e preparate uno spazio dedicato a ciascuno di loro. Può essere un appendino colorato per lo zainetto e la giacca, un contenitore con la loro iniziale o un disegno facilmente riconoscibile in cui trovare la propria sacchetta, il casco per il monopattino e tutto quello che serve per la giornata. I vostri bambini si divertiranno, si sentiranno più grandi e responsabili e uscire di casa sarà più semplice.

© Pinterest

7.  Piccole grandi abitudini: spesso può essere difficile uscire di casa perché i bambini non si staccano dai loro giochi. Invece che dire “andiamo, altrimenti facciamo tardi a scuola!” si può provare a creare qualche abitudine piacevole. Il tragitto in monopattino, la possibilità di incontrare un amico e fare un pezzo di strada insieme, quel cane che incontriamo tutte le mattine da salutare, possono essere piccoli grandi incentivi per varcare la soglia. E ancora una volta abitudini rassicuranti.

Buona giornata a tutti!

Lucia Massarotti
Lucia Massarotti

Sono nata a Milano e quest’anno spegnerò -con gioia!- quaranta candeline. Dopo la laurea in Giurisprudenza e qualche bellissimo anno passato a lavorare in uno studio legale ho capito che il diritto non era la mia strada, ho lasciato i codici e ho scoperto che mi piace scrivere. Ho sposato il più straordinario compagno di viaggio che la vita potesse farmi incontrare e, insieme, siamo partiti per meravigliosa avventura: essere genitori di Enzo, nato sotto il sole dell’agosto 2015, e Matteo, che rende ancora più allegra la nostra famiglia dall’aprile 2018. Convinta del fatto che diventare genitori sia la nostra più grande occasione per crescere cerco, ogni giorno, di mettermi all’altezza dei miei bambini, di infilarmi nelle loro scarpine, provando a guardare il mondo con la loro stupenda curiosità. Dal gennaio 2019 ho aperto un blog, PiccolieCuriosi, dove racconto le mie avventure da mamma.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.