Che agosto sia il dicembre estivo si sa, e che questo porti a fare i primi bilanci del nuovo anno è scontato.

La promessa che mi sono fatta per settembre è di avere tenacia e oggi voglio parlarti di questa e degli strumenti che mi aiuteranno a perseguire questo mio obiettivo. 

Perché la tenacia può fare anche al caso tuo?

Ritardare la sveglia? Posticipare una riunione? Rimandare un alert? Se anche tu sei schiavo dei suoni del telefono e dell’opzione ritarda, la tenacia e questo post fanno al caso tuo.

Ogni giorno ci svegliamo con le nostre to-do list piene di attività da fare nella giornata.

Conoscersi è necessario per riuscire a compilare delle liste realistiche per noi stessi così da evitare di sovrastimare la nostra mole di lavoro giornaliera. Essere tenaci significa arrivare a sera con le to-do list vuote senza punti che si rimandano di giorno in giorno.

tenacia-alleati_applicazioni_imageekgirl_carlotta-beccaro

 Ecco i miei 5 alleati:

  1. Conosci te stesso 

Se il tuo problema sono to do list con troppe attività dedicati del tempo per conoscerti. Ti basterà usare il cronometro del tuo telefono per vedere quanto tempo impieghi a svolgere il tuo lavoro e le attività ad esso collegate.
Nota fondamentale: sforzati di non farti interrompere durante le tue sessioni. Lascia le distrazioni lontane da te e mantieni il focus su quello che stai facendo.

  1. Stila delle corrette to-do list

Una volta che ti sei conosciuto sei pronto per stilare delle perfette to do list realistiche. Le mie applicazioni preferite per questo scopo sono Wunderlist e Todoist.  Le utilizzo da pc, tablet e smartphone così le aggiorno in continuazione e le porto sempre con me.

  1. Monitorati 

Una delle cose che mi piacciono più di tutte è vedere quanto tempo impiego a svolgere le attività che mi sono prefissata per la giornata. Come faccio? Uso delle applicazioni installate direttamente nel mio computer. Su Mac uso Pomodoro Time mentre su Windows uso Timeleft.

Io solitamente imposto delle sessioni da 50 min e durante quelle mi dedico esclusivamente a una determinata attività spegnendo notifiche di mail e social. Una volta terminata la sessione dedico 5 min al controllo delle mail e di possibili urgenze improvvise prima di iniziare la sessione successiva.

Nota fondamentale: monitorarsi, come tutti gli altri alleati della tenacia che ti sto illustrando, è un valido strumento per migliorare le nostre giornate e la nostra concentrazione ma non deve impedirti di rimanere flessibile. Le urgenze esistono: sono improvvise e sono urgenti ed è nostro dovere riuscire a ripianificare il nostro lavoro e la nostra giornata in funzione di queste.

  1. Prenditi del tempo per staccare
    Imporsi dei momenti di distrazione è essenziale per mantenere la nostra mente fresca e reattiva. Per distrarmi uso Runtastic: una camminata a fine giornata o una corsa la mattina presto prima di andare a lavoro sono un vero toccasana. Hai mai provato?
  1. Non dimenticare che hai scelto la tenacia
    Essere tenaci significa cercare di non lasciarsi influenzare dall’umore con il quale ci svegliamo, dal brutto tempo o dalle giornate no. Significa darsi l’opportunità di dire “ce la posso fare e non ho motivi per rimandare quello che devo fare oggi”. Non ti ho abbastanza convinto? Peccato ma lo intuivo. Allora ti consiglio di vedere questo video 😉
Frenci Bello
Frenci Bello

Mi chiamo Francesca Bello, vivo a Varese e sono una Digital Strategist Freelancer con 10 anni di esperienza. Il mio lavoro consiste nella creazione di una strategia e di concept creativi in campo Digital e Social Media. Social Media Marketing e Management, Advertising, Graphic Design e sviluppo website. Da Agosto 2018 sono diventata mamma di Bernardo, e questa è stata l'occasione per trasformare il mio blog in un magazine dedicato a mamme e bambini. In questo progetto meraviglioso ho la fortuna di aver trovato persone speciali, che condividono nei loro post le proprie esperienze e (dis)avventure.

1 Comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.