3 elettrodomestici indispensabili per una famiglia numerosa

31 Gennaio 2019Manuela Giuby

Dagli albori del mio matrimonio ad oggi, sono cambiate davvero tante cose.

Sono passati solo dieci anni, quattro bebè e alcune peripezie, però ormai tutto è cambiato da allora.

Ricordo cene a base di Bon Roll e Coca Cola, weekend interi passati a sistemare casa e borse dell’Ikea piene zeppe di vestiti da portare all’asciugatrice a gettoni.

Ormai sono cambiata, mi sono costituita all’ordine e alla disciplina e persino Marie Kondo sarebbe un pochino fiera di me.
Certo mia suocera è ancora ineguagliabile e bionda, mentre io sono ancora mora e incapace di pretrattare le macchie più ostinate … però faccio il pane in casa, ho sempre la cesta della biancheria quasi vuota (dai quasi sempre!, solo perché siamo in tanti!) passo la scopa elettrica dalle quattro alle sedici volte al giorno!

LEGGI ANCHE: Metodo Marie Kondo con i bambini, ogni cosa al suo posto!

Bando agli scherzi, in questi dieci anni sono davvero cambiate moltissime cose e il ritmo incalzante della vita da mamma lavoratrice insieme alla gestione dei miei bimbi hanno  compiuto il miracolo! Ho imparato a gestire la mia casa come mai avrei pensato. Ho scoperto che per farlo esistono alcuni elettrodomestici indispensabili, direi salva vita, salva routine, salva gioia coniugale.

Eccoli:

1) L’ASCIUGATRICE

Ha salvato i miei week end e i miei inverni lunghi e tempestosi. Mi ha salvata dallo sdegno della suocera e dai calzini sul calorifero e dalle richieste speranzose del lunedì mattina: “Manu, dove sono le camicie pulite?La signora asciugatrice. Io possiedo una Bosch serie otto. Che non so bene cosa voglia dire, ma so che: è capientissima, noi siamo in sei per cui una lavatrice di bianco è composta almeno da sei mutandine, 12 calzini, 6 magliette intime, sei asciugamani, una tutina e cinque pigiami. Qualche volta anche l’accappatoio del papà. E’ facile.

Bosch

Non mai letto le istruzioni prima di questo post… eppure la uso quotidianamente da ormai tre anni. A misura di bambino, perché ha la sicurezza bambini. Gli asciugamani escono morbidi come un piumino per la cipria. I copri piumone non si accampano più in mezzo al salotto per intere notti e interi giorni.

Da qualche tempo ho cominciato a seguire la routine del bucato di Raffaella Caso (baby green, una mamma quasi green) e devo ammettere che la uso meno, perché ho imparato ad ottimizzare i bucati e quindi anche le asciugature, ma lei  resta sempre e comunque la regina della mia casa.

2) ROBOT DA CUCINA

Al secondo posto avrei voluto tanto tantissimo mettere il famosissimo e blasonatissimo Bimby. Devo ammettere che da un pò di tempo a questa parte ho cominciato a desiderare moltissimo di averlo. Ho una bimba intollerante al glutine e al lattosio, che si copriva di dermatite atopica se non prestavo attenzione a quello che le davo da mangiare, due quasi pre adolescenti che mangerebbero ad ogni ora del giorno senza soluzione di continuità, una neonata a cui non ho dato alcun baby foodie e un marito vegetariano e per finire una me sempre in lotta con la bilancia e con il budget mensile e il menù settimanale.
Inoltre sono attenta alla cucina salutare e naturale e al consumo dei  prodotti bio … insomma le esigenze di una famiglia numerosa sono moltissime! Pertanto la necessità di un robot da cucina si è fatta impellente. Dopo vari e vari ripensamenti noi abbiamo scelto lui: Moulinex Cuisine Companion, robot da cucina multifunzione con 6 programmi automatici, 4 lame, capacità sette litri. Lo amo. Faccio la pizza, la cioccolata calda e il budino vegan ok, la polenta, il pane, la verdura a vapore, le vellutate morbide come la seta, il purè veg soffice e cremoso anche se non metto il burro, le meringhe, il risotto,  le lenticchie, il brodo, l’omogeneizzato di frutta, la marmellata, il sugo e … il detersivo lavatrice green homemade. Ottimizzo di brutto tempo e risorse. Credo che il Bimby abbia comunque una marcia in più, però questo costa poco meno della metà, l’ho acquistato su Amazon e lo uso tantissimo tutti i giorni. Trovo che sia bravo e serio, come un cuoco vero. Se non vi spiace, mi occorre ripeterlo: lo amooo!

Moulinex

3) SCOPA ELETTRICA

Da ultimo lei, la scopa elettrica. Penso che dall’inizio del nostro matrimonio siano passate sulle mie piastrelle almeno 10 aspirapolvere. E’ imbarazzante, ma vero. Non so per quale strana congiuntura astrale, da noi le aspirapolvere fanno la stessa fine di cucchiaini e calzini. Loro misteriosamente si rompono, esattamente come gli altri spariscono. Oggi possediamo una Roventa Air Force Estreme Silence. Discreta. Costo abbordabilissimo, pratica e maneggevole. Graziosa. Ma alle volte i rulli aspiratori si incastrano e non aspira fortissimo come vorrei. Il mio sogno rimane lei: Dyson Absolute, aspirapolvere senza filo. Le Dyson aderiscono al pavimento come fossero una ventosa. Immaginate dodici piedi danzanti su un open space con pavimento chiaro. Immaginate le scarpe da calcio di Pietro e le manine di Adele che gattona… vicine, nello stesso posto, immaginate le tavole imbandite di cui sopra, nel post prandiale, ovvero le briciole sotto il tavolo dei miei pancini affamati… insomma, fra poco è san Valentino, per quest’anno niente anellini, vorrei la scopa elettrica! Incredibile!

Rowenta

Concludo con un oggetto che non è strettamente un elettrodomestico, è da pochissimo arrivato in casa nostra, ma sembra essere degno di una menzione speciale… il purificatore per l’acqua del rubinetto e il relativo gasatore soda stream … molto interessante. Ecologico, mi risparmia il carico e scarico di vari litri d’acqua. Seguiranno aggiornamenti!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Precedente

Fratelli: amore, gelosia e strategie di sopravvivenza

28 Gennaio 2019

Prossimo post

Maternità obbligatoria: parla l'esperto

1 Febbraio 2019